Esercizi di vicinanza in mare aperto. Intervista a Chiara Bersani.

Possono le persone vivere un’esperienza comune seppur distanti? Questa è la domanda che si è posta Chiara Bersani per produrre lo spettacolo Il canto delle balene. Con la pandemia, poi, questa domanda si è come “sviluppata” nella vita reale a causa del distanziamento sociale, che ci ha fatto utilizzare molte vie di comunicazione.

L’opera non parla della disabilità: la usa come approccio, non come discorso. D’altronde, tutti i suoi spettacoli non preferiscono parlare di altro e Chiara pensa che il fatto di essere disabile non debba per forza essere messo al centro come argomento.

I linguaggi che sono stati utilizzati nello spettacolo sono stati quello visivo e sonoro, in più la prassi – cioè la distanza e la vicinanza dei corpi – che lei ha definito un vero e proprio elemento.

Chiara dice che ha composto questo spettacolo in modo diverso dagli altri perché sta crescendo e si sta spostando dall’esposizione del proprio corpo al pubblico verso altri orizzonti.

La scelta di non esporre il suo corpo è una scelta politica: c’è un iper-attenzione su di lei che non sempre corrisponde a un ascolto.


Vi interesso io come artista o come corpo?

(foto di Antonio Ficai dal sito di Armunia)

articolo di

Autori

Altri articoli

Agnese Manghi

Ciao, mi chiamo Agnese. Se fossi un animale, in un’altra vita mi piacerebbe essere una volpe. Sono degli

Leggi »

Beatrice Ghione

Tenace, testardo, indomabile, elegante e possente: il cavallo è l’animale che più mi rappresenta e piace per il

Leggi »