Avere occhi dappertutto. Spaesamento e domande per chi accarezza contropelo i pensieri

L’uomo che accarezzava i pensieri contropelo non ha né inizio né fine e non ho capito perché. Mi sono sentita spaesata nel provare a mettermi in relazione con quest’opera. Ma ho riconosciuto alcune sensazioni anche grazie al fatto che ho praticato danza per 9 anni:  sono riuscita a percepire lo sforzo che c’è stato fra i 5 performer per sentirsi gruppo, perché davvero so che quando si è in scena bisogna avere occhi dappertutto, c’è una responsabilità da parte di ciascuno nei confronti degli altri. Se manca questa responsabilità e questo impegno, lo spettacolo non riesce. I loro gesti erano confusi ma non la struttura generale, nel senso che tutti sapevano quello che dovevano fare rispetto all’architettura della performance. A me piace capire tutto e avere una spiegazione per tutto: in scena, per me, c’è ciò che c’è, c’è quello che vedo. Quello che sono riuscita a “vedere” nello spettacolo curato da Eva Geatti è stata la possibilità dell’incontro tra 5 persone, la sfida, il desiderio di mettersi in cordata, la capacità di mettersi in gioco e di giocare insieme.

(disegno di copertina di Beatrice Manghi)

Altri articoli

Sofia Pastorelli

Se fossi un animale probabilmente sarei un essere piccolo ma non indifeso, un animale che può sembrare cattivo

Leggi »